La Stampa – Il vino prodotto dall’uva “sottomarina”, così all’isola dell’Elba nasce il vino Nesos

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Antonio Arrighi, produttore vinicolo elbano, estrae dal mare le ceste di uva Ansonica inabissata per 5 giorni per l’affinamento subacqueo, davanti a Porto Azzurro all’isola d’Elba, vicino alla sede dell’azienda agricola. I grappoli verranno diraspati e preparati per la fermentazione in anfore di terracotta. Un rituale antico che darà vita a Nesos, vino marino realizzato con l’antica tecnica usata 2500 anni dai Greci sull’isola di Chio.

Guarda il video