Il Tirreno – Duemila anni dopo ecco Nesos, il vino che sposa il sale del mare

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
L’azienda elbana di Antonio Arrighi ha riscoperto un’antica lavorazione delle uve: «I grappoli stanno cinque giorni immersi, poi nella terracotta. Così l’Ansonica dà il meglio»

Leggi l’articolo completo